[ztopmcr.htm]
Pagina pubblicata tra il 1995 e il 2013
Le informazioni potrebbero non essere più valide
Documenti e testi normativi non sono aggiornati

 

 Il diritto di accesso

I veri problemi del costo dell'internet - 2
di Manlio Cammarata - 21.07.99

E arriva Infostrada, con il lancio di Libero. L'iniziativa segue quella di Tiscali e indica una possibile via dello sviluppo commerciale dell'internet in Italia. Ne parleremo fra un attimo.
Prima è opportuno concludere il discorso iniziato con l'
articolo di una settimana fa, perché non abbiamo esaurito il discorso sui dieci punti nei quali ho schematizzato la situazione.

La trappola del servizio universale (punto 7)
L'idea che l'accesso all'internet debba essere assicurato a tutti nell'ambito del servizio universale è suggestiva e indica che, finalmente, si fa strada il concetto che la rete non è solo un passatempo per qualche svitato, compresi i pirati informatici, i pedofili e i perditempo in generale...
Avevo lanciato il concetto nel dicembre del '97 in
Internet come servizio universale: una battaglia da vincere, a proposito di un emendamento al collegato alla legge finanziaria per il '98 (sì, per il '98, non è un refuso!) che prevedeva, fra l'altro "Il ministro delle comunicazioni, d'intesa con il ministro dell'università e della ricerca scientifica, adotta provvedimenti finalizzati a garantire la pari opportunità di accesso ad internet, anche al fine di evitare discriminazioni di tipo territoriale".
E' triste constatare che, quasi due anni dopo, siamo ancora allo stesso punto. Ma il problema è un altro: con l'evoluzione del mercato delle telecomunicazioni la proposta di inclusione dell'accesso alla rete nel servizio universale deve essere ritirata, almeno se per "servizio universale" si intende quello descritto dalla normativa.

Infatti, per il DPR 318/97, articolo 1 (che riprende le disposizioni comunitarie), il servizio universale è un insieme minimo definito di servizi di determinata qualità disponibile a tutti gli utenti a prescindere dalla loro ubicazione geografica e, tenuto conto delle condizioni specifiche nazionali, ad un prezzo accessibile. L'articolo 3, dopo aver elencato i contenuti minimi - ma proprio "minimi" - che devono essere compresi nel servizio universale, al comma 2 prevede che Il contenuto del servizio universale può evolvere sulla base del progresso tecnologico e degli sviluppi del mercato e la relativa valutazione e la sua eventuale revisione sono effettuate almeno ogni due anni dal Ministro delle comunicazioni, sentita l'Autorità.
E ora viene il bello. Il comma 4 dello stesso articolo afferma che La società Telecom Italia è l'organismo di telecomunicazioni incaricato di fornire il servizio universale sul territorio nazionale. A partire dal 1° gennaio 1998 possono essere incaricati della fornitura del servizio universale anche altri organismi di telecomunicazioni che, nel rispetto delle condizioni previste dal presente regolamento ed in particolare dall'art.6, comma 7, sono in grado di garantire la fornitura dei servizi di cui al comma 1 su tutto il territorio nazionale o su parte di essa a condizioni economiche accessibili a tutti e non discriminatorie rispetto alla localizzazione geografica dell'utente.

Dov'è il problema? E' nel fatto che il servizio universale può costituire un onere non indifferente (si pensi al costo della linea che raggiunge un utente isolato in mezzo alle montagne, che non potrà mai essere coperto dal canone e dagli scatti) e quindi è necessario che sia in qualche modo remunerato. Provvede il comma 6: Qualora, in base alle disposizioni del presente articolo, gli obblighi di fornitura del servizio universale rappresentino un onere iniquo per l'organismo o gli organismi incaricati di fornire il servizio universale, è previsto un meccanismo atto a ripartire il costo netto dei suddetti obblighi con altri organismi che gestiscono reti pubbliche di telecomunicazioni, con fornitori di servizi di telefonia vocale accessibili al pubblico e con organismi che prestano servizi di comunicazione mobili e personali.
I commi successivi scendono nei dettagli, quanto basta per capire che, almeno per la telefonia vocale, l'unico operatore che potrà fornire il servizio universale è Telecom Italia, attingendo a un fondo costituito dai versamenti di tutti gli altri operatori. E, fin qui, niente di male.
Ma tra il servizio telefonico e l'accesso all'internet c'è una differenza fondamentale: l'abbonato al telefono non rende altro che il canone e gli scatti, mentre l'abbonato all'internet è un pollo da spennare, come vedremo meglio tra poco. Quindi, se si applicasse agli abbonamenti alla rete lo stesso meccanismo del servizio universale telefonico, Telecom Italia acquisirebbe una massa di abbonati... pagata dai suoi concorrenti! Evidentemente in questa ipotesi c'è qualcosa che non funziona.

Si può anche immaginare che l'accesso universale possa essere fornito da più operatori (cioè tutti, perché sono tutti interessati ad acquisire abbonati alla rete), ma allora che a che serve il fondo per il finanziamento del servizio universale, se tutti quelli che vi possono attingere devono anche alimentarlo? Non è più semplice che ciascuno sostenga il costo dei propri "abbonati"?
Infatti: abbiamo già due operatori che offrono l'abbonamento gratis, e altri seguiranno. Ma, dirà qualcuno, non stiamo parlando del costo dell'abbonamento, ma del costo della connessione, cioè della tariffa a tempo. Giusto.
Il fatto è che la tariffa di interconnessione (cioè l'importo che l'operatore alla cui rete sono dirette le chiamate incassa da Telecom, dalla cui rete le chiamate partono) serve a coprire i costi del servizio. Se le chiamate devono essere gratis, o quasi, nessuno è interessato a fornire l'abbonamento gratuito, perché senza l'incasso degli scatti non ci sono i soldi per la quota di interconnessione. Allora la soluzione potrebbe essere quella della connessione gratis (o quasi) e del ritorno del canone di abbonamento: il gatto si morde la coda.

C'è un'altra ipotesi, in verità la più facile: che con il termine "servizio universale" si intenda semplicemente la parità del diritto di accesso, cioè tutti alla stessa tariffa, indipendentemente dalla distanza tra abbonato e provider. Dunque si tratterebbe di porre a carico del servizio universale la differenza tra la tariffa urbana e una tariffa "agevolata" per l'internet. A prima vista potrebbe essere l'uovo di Colombo, ma anche qui la situazione è molto complessa, per diversi motivi:
a) si dovrebbe trovare il modo di superare il divieto comunitario di applicare tariffe diverse per servizi analoghi;
b) si dovrebbe individuare l'operatore (o gli operatori) incaricati di fornire il servizio, ritornando ai problemi visti nel paragrafo precedente;
c) si dovrebbe dimostrare (
DPR 318/97, articolo 3, comma 6) che la "agevolazione" rappresenta un "onere iniquo" per chi fornisce il servizio agevolato (dimostrazione difficile, considerando il costo reale di una connessione).
Ma ormai questo è un discorso inutile, prima di tutto in vista dell'imminente introduzione della "tariffa di prossimità". Poi perché nel momento in cui i maggiori operatori nazionali, in concorrenza, offrono l'abbonamento gratis, predispongono anche il maggior numero possibile di nodi in tutti i distretti telefonici, in modo di catturare abbonati a tariffa urbana anche nei posti più sperduti.
Conclusione: l'evoluzione del mercato sta per assicurare nei fatti quella parità nel diritto di accesso (è ormai questione di mesi) che i politici non sono riusciti a introdurre, dopo anni di chiacchiere.

Lunghi collegamenti e tariffe agevolate (punti 3, 5 e 6)
Se la TV costasse 2.600 lire all'ora... come chiede Alessandro Ghezzer nella sua lettera, quante persone passerebbero tanto tempo davanti al video? Ghezzer fa due conti, ipotizzando collegamenti quotidiani di due ore, tutti i giorni, e ottiene una somma non indifferente. Ma il punto di partenza non è condivisibile, perché settecento ore l'anno sono un tempo esagerato: le statistiche mostrano che in questa fase dello sviluppo della rete sono pochissimi gli abbonati che superano la mezz'ora quotidiana. Certo, se non ci fosse la TUT i collegamenti sarebbero più lunghi: quanto più lunghi?
Difficile prevederlo, ma un dato di fatto è certo: tutti quelli che oggi si collegano per pochi minuti diverse volte in una giornata, pagando ogni volta lo scatto alla risposta, non dovrebbero fare altro che restare sempre collegati, pagando un solo scatto per molte ore di uso della "porta" del provider. Dunque questi dovrebbe aumentare, e non di poco, il numero di modem.

Oggi si può assicurare un buon servizio con un modem ogni 15 - 17 abbonati, cifra che deriva dal calcolo del tempo di collegamento dell'utente medio, corretto in funzione della necessità di assicurare un tempo ragionevole di attesa della linea libera nei momenti di maggiore afflusso. Ora, se solo un quarto degli utenti restasse "attaccato" in continuazione per mezza giornata, si dovrebbe raddoppiare o triplicare il numero dei modem per abbonato, e tutte le altre risorse dovrebbero essere moltiplicate in proporzione. Dunque il ricavato dell'abbonamento dovrebbe coprire un parte considerevole del costo di una "porta", cioè del modem e di tutto quello che gli sta dietro, compresa la manutenzione e un ragionevole utile per l'operatore: a spanne, da cinquecentomila a un milione di lire l'anno.
In queste condizioni i proventi dell'interconnessione non sarebbero sufficienti a coprire i costi del servizio, e allora addio abbonamenti gratis, addio al sogno della free internet!

D'altra parte anche l'osservazione che la TUT italiana è tra le più basse d'Europa non può essere accettata del tutto, sia in relazione al potere di acquisto dei cittadini sui rispettivi mercati nazionali, sia perché il prezzo da pagare deve essere valutato in funzione dell'interesse dell'acquirente del servizio. Se gli italiani non sono convinti che il servizio giustifichi il costo, e se si vuole che un maggior numero di italiani "vada on line", è necessario che il prezzo, in qualche modo, diminuisca.
Il problema è "come" far diminuire questo costo, quali agevolazioni tariffarie si possano introdurre senza far saltare i conti degli operatori. Una possibilità, peraltro di effetto limitato, è quella di introdurre una tariffa irrisoria (per esempio, uno scatto ogni mezz'ora) nelle ore notturne, quando le reti di telecomunicazioni e le macchine dei provider lavorano pochissimo. Ma, attenzione: per "ore notturne" si devono intendere quelle tra l'una e le sette del mattino, perché tutti sappiamo quale congestione si verifica tra le ventidue e l'una.

Una soluzione efficace si potrà trovare tra qualche tempo, se il mercato si evolverà verso la direzione che oggi appare più probabile: una larga diffusione degli abbonamenti gratuiti, offerti dagli operatori di comunicazioni o dai fornitori di servizi, abbonamenti finanziati con l'interconnessione o con la tariffa a tempo (nel caso che il fornitore di accesso sia contemporaneamente il fornitore del servizio telefonico). In ogni caso si deve tener presente che con la concorrenza anche sul mercato della telefonia urbana, la relativa tariffa è destinata a diminuire, e che la formula "tutto compreso" (telefono + internet) potrebbe essere modulata in modo di favorire i collegamenti nelle ore di minor traffico.
E' uno scenario complesso, che esamineremo meglio in un prossimo articolo.

Il pollo da spennare
O la vacca da mungere, scegliete il paragone che più vi piace, per indicare una realtà che ormai non può essere ignorata. L'abbonato all'internet, secondo le previsioni più accreditate, è una miniera d'oro per il fornitore, perché "naviga" e quindi vede la pubblicità, e quindi compera. E siccome pubblicità e percentuali sulle vendite, nell'attuale prospettiva dei provider, costituiscono la vera fonte di guadagni del futuro, ecco la gara a fornire gratis almeno l'abbonamento "base" e raccogliere il maggior numero possibile di utenti da convogliare verso il proprio "portale" (qui si potrebbe introdurre il paragone del gregge di pecore)...

Che cosa si intende per "abbonamento base"? Date un'occhiata all'offerta Libero di Infostrada, che è gratis, e alle proposte di professionali, sempre di Infostrada, che invece si pagano: le differenze sono molte, sia nei servizi, sia nella qualità promessa.
Ma il problema non è solo questo, perché nel contratto free internet c'è la previsione di un uso intensivo dei dati personali del cliente a fini di marketing, compresa la verifica della lettura di almeno quattro messaggi pubblicitari al mese.
Lo sfruttamento economico dei dati di un individuo, se lui è d'accordo, non è illegale, purché ci sia il suo "consenso informato" e comunque entro precisi limiti. Invece nelle clausole proposte da Infostrada questi limiti non sembrano ben definiti, tanto che
ALCEI ha inviato una segnalazione al Garante.

In sostanza l'alternativa che si offre all'aspirante abbonato è questa: o paghi in moneta, o paghi con i tuoi dati personali, che valgono altrettanto, se non di più. Così va il mondo: il ricchi possono proteggere la propria vita privata, i poveri no. Ma c'è un risvolto che sembra una vendetta: in questo modo i mercanti della rete ottengono le informazioni sui poveri e non quelle, per loro molto più interessanti, sui ricchi...
E' probabile che questa "disinvoltura" abbia vita breve e che gli operatori siano richiamati al rispetto della legge: qui si misurerà la capacità del Garante di incidere proprio sui comportamenti più pericolosi per la riservatezza delle persone, almeno quando non è difficile identificare i responsabili dei possibili abusi.

Agevolazioni, incentivi...
Così siamo arrivati a una conclusione (provvisoria) dell'analisi dei problemi che si oppongono alle "agevolazioni" tariffarie per l'uso dell'internet. "Provvisoria", perché la rapidissima evoluzione del mercato comporta cambiamenti di scenario, che possono essere radicali, fino all'eliminazione dei problemi prima della loro soluzione, come dimostra la questione della parità delle tariffe di accesso.

Invece restano da analizzare le agevolazioni "vere" (per esempio, per l'acquisto dei computer) e i veri "incentivi", come quelli che potrebbero essere dati ai fornitori di contenuti, sulla falsariga dei contributi all'editoria: non si deve dimenticare che la mancanza di contenuti interessanti è considerata come uno degli ostacoli più ardui da superare per lo sviluppo dell'internet nel nostro Paese. Ma anche questo è un punto da esaminare con più calma.
Ora, per completare il quadro, è utile leggere il pezzo di Giancarlo Livraghi,
Quali incentivi per far crescere l'internet in Italia? e si può riflettere sulle proposte di Giuliano Amato, riportate da la Repubblica del 19 scorso, che si riassumono nel titolo: "Oggi il computer, poi il welfare".

Oggi, appunto: se c'è una cosa sulla quale sono tutti d'accordo, è che bisogna fare presto.