[ztopmcr.htm]
Pagina pubblicata tra il 1995 e il 2013
Le informazioni potrebbero non essere più valide
Documenti e testi normativi non sono aggiornati

 

 Il diritto di accesso

La legge in rete: quattro anni di interventi
02.06.99

Il tema diritto di accesso alla legge attraverso l'internet è nelle "radici storiche" di InterLex, perché fu sollevato per la prima volta da Francesco Brugaletta nel Forum multimediale "La società dell'informazione", iniziato nell'aprile del '95 e proseguito dal '97 in questa rivista. L'intervento Trasparenza nell'esercizio del potere, diritto alle informazioni e nuove tecnologie, del 18 giugno '95, contiene già i presupposti del dibattito ancora in corso, del quale può essere utile ripercorrere qui le tappe più importanti (l'elenco completo degli interventi è nell'indice di questa sezione).

Nell'ottobre '96 il costituzionalista Pasquale Costanzo allargò la prospettiva con Aspetti problematici del regime giuspubblicistico di Internet. Riprese quindi il tema Brugaletta con Brevissime considerazioni su pubblicità delle leggi, reti telematiche e Internet (dicembre '96) e Poteri pubblici e dovere di disseminazione: l'altra faccia del Diritto all'informazione (febbraio '97).

I problemi tecnici e legislativi che si opponevano a una rapida diffusione telematica delle leggi furono sollevati in un'intervista del febbraio '97 da Carlo Pinzani, vicesegretario generale e direttore del Servizio Informatica del Senato (<www.parlamento.it>: host contacted!). Anche Renato Borruso, a quel tempo direttore del CED della Cassazione, espresse molte riserve nell'intervista che fu pubblicata con il titolo L'ignoranza della legge accusa il legislatore nel mese di maggio.

Nel luglio del '97 un altro intervento di rilievo a sostegno della nostra tesi: quello del senatore Antonio Falomi nell'intervista Una strada da seguire fino in fondo.

L'argomento fu ripreso nel gennaio '98 con un articolo Serve una legge per l'accesso alla legge?, a commento di un'iniziativa lanciata dall'avvocato Giorgio Rognetta sul sito Zaleuco, che sfociò in un disegno di legge presentato dal senatore Andrea Pastore, rimasto nei cassetti della Commissione giustizia.
Ma una proposta contenuta nel nostro articolo suscitò l'attenzione del presidente dell'Autorità per l'informatica nella pubblica amministrazione, Guido M. Rey, che in una lettera a InterLex si dichiarò d'accordo con la tesi dell'opportunità di rendere disponibili sull'internet i testi normativi, nell'ambito della rete unitaria.

Intanto Daniele Coliva aveva allargato ancora le ragioni di quella che si può chiamare una vera e propria "campagna di sensibilizzazione" con La legge sulla Rete: un perché.

In seguito l'argomento è ritornato diverse volte in articoli centrati su temi diversi, fino a La Gazzetta ufficiale "segretata" per contratto! del 27 aprile scorso. Sullo stesso numero ha rincarato la dose Andrea Monti, chiedendo Dove sono gli standard tecnici?.

E siamo alla proposta di oggi...