Cookie free: nessun "biscotto" per spiare i lettori

InterLex - RIVISTA DI DIRITTO TECNOLOLOGIA INFORMAZIONE

 

 

Ciao Stefano, campione di libertà

Privacy e sicurezza - Manlio Cammarata - 24 giugno 2017

Su Repubblica.it di questa mattina la prima notizia è proprio sopra l'ultima di ieri, come vuole la sintassi del web. Anche se l'accostamento è del tutto casuale, testimonia l'attualità del pensiero e dell'azione di Stefano Rodotà. 
La Repubblica del 24 giugno 2017
Scorrono fiumi di inchiostro e di bit quando scompare un grande uomo come Stefano Rodotà. Oggi si ricordano le sue battaglie, combattute non con lo spirito libertario più o meno disordinato che muove tanti "rivoluzionari" di ogni tempo, ma da giurista e da politico che aveva il rigore del Diritto come bussola  e la Costituzione come unica stella polare.

Lo ricorda su queste pagine Claudio Manganelli, che gli fu a fianco nel primo collegio del Garante, quello in cui fu costruita la protezione dei dati in Italia.
Lo ricorda InterLex, con la prima, lunga intervista, rilasciata dopo appena un mese dall'entrata in vigore della legge 675. Si concludeva così: «... questa la vedo non solo come un'intervista concessa, ma come un pezzetto dell'adempimento di quell'obbligo di far conoscere la legge e le sue finalità, che ci è imposto dall'articolo 31».

Non servono altre parole. Ma non posso concludere senza spendere qualche riga dei miei ricordi personali.
Il mio primo incontro con Stefano Rodotà fu... uno scontro, all'esame di istituzioni di diritto privato. Vinse lui, naturalmente.

Ma nel trascorrere degli anni l'immagine del difensore dei diritti civili cancellò a poco a poco quella del feroce esaminatore. Così volli salutarlo, tanto tempo dopo quell'esame, alla fine di un convegno alla Fondazione Basso. Ma fu lui a venirmi incontro, con quel suo sorriso chiaro: «Ciao Manlio... leggo sempre i tuoi articoli».
Mi sentii come se avesse detto "trenta e lode".

L'ho incontrato l'ultima volta poco tempo fa. Provato nel corpo, ma sempre lucido - e deluso - nel pensiero. Alla fine ci siamo detti ancora una volta «ciao Manlio», «ciao Stefano». E lui aveva qualcosa di triste nel sorriso.

Per intervenire su questo argomento clicca qui
Inizio pagina     Indice di questa sezione      Home

 

Pubblicazione iscritta nel registro della stampa del Tribunale di Roma con il n. 585/97 - Direttore responsabile Manlio Cammarata - P. IVA 13001341000

© Manlio Cammarata/InterLex 2017 -  Informazioni sul copyright