Cookie free: nessun "biscotto" per spiare i lettori

InterLex - RIVISTA DI DIRITTO TECNOLOLOGIA INFORMAZIONE

 

 

 

Big Data, la privacy e le sei sorelle del Grande Fratello

Privacy e sicurezza - Manlio Cammarata - 20 febbraio 2017

Si dice che siamo tutti "profilati". Ma chi ci profila? La risposta è "nessuno", se si leggono le informative che accompagnano sistemi operativi, app e software di ogni genere. E allora, di che cosa stiamo parlando?

Stiamo parlando di una cosa molto seria, al di là delle sue implicazioni nella vita privata delle persone.
Nel mondo di oggi, qualsiasi processo decisionale, in ogni settore, qualsiasi innovazione, è data driven, cioè determinata dall'elaborazione di dati. Dati disponibili in quantità impressionanti e che possono essere elaborati in massa. Immensi spazi di archiviazione, possibilmente in ambienti cloud, e applicazioni di (cosiddetta) intelligenza artificiale consentono di disegnare con precisione ogni contesto, fare previsioni e indirizzare la ricerca, il mercato, i comportamenti individuali.

Piaccia o non piaccia, è la realtà con la quale dobbiamo fare i conti, sia nell'ambito pubblico sia in quello dell'iniziativa privata. La conoscenza più dettagliata possibile delle tendenze e delle scelte di ciascuno (cioè la profilazione) è presupposto essenziale dello sviluppo economico.

Quale sia la direzione di questo sviluppo è una questione che sembra del tutto indifferente. Che la società si stia orientando verso una struttura che richiama (o forse supera) la visione orwelliana del Grande Fratello è un problema che non interessa né i "padroni dei dati" né i media, sempre attenti solo alle meraviglie del mondo che verrà.

Le eccezioni sono poche, ma cercando cercando qualcosa si trova. Per esempio un articolo di Sergio Luciano La tracotanza di Facebook e i suoi fratelli su affaritaliani.it, che vale la pena di leggere.

Ma chi sono i "padroni dei dati"? Gli addetti ai lavori li indicano con la sigla OTT, che significa Over The Top, ovvero "sopra la vetta". Sei grandi aziende, sei "sorelle" che in diversi modi influiscono sulla società globalizzata. Sono chiamate così forse ricordando le "sette sorelle" che avevano lo stesso potere in un mondo passato, quello dell'industrializzazione del secondo dopoguerra. Allora il bene primario per lo sviluppo era il petrolio, oggi sono i dati. I dati sono il petrolio del nostro tempo.

Ci sono divergenze di vedute su quante e quali siano le sei (o sette) sorelle del Grande Fratello. L'elenco più comune comprende Google, Yahoo, Apple, Amazon, Facebook e Microsoft, tutte americane. La settima sarebbe Alibaba, cinese, che però è orientata più al commercio all'ingrosso che alla vendita ai consumatori.

Tutte pubblicano, in forme simili, un'informativa sull'uso dei cookie, che dovrebbe rispettare l'art. 13 del decreto legislativo 196/03 sul trattamento dei dati personali, nonché soddisfare le Linee guida in materia di trattamento di dati personali per profilazione on line, pubblicate dal Garante italiano nel 2015.

Per capire meglio la questione basta leggere con attenzione le informazioni pubblicate da Microsoft e WhatsApp, dopo aver visto quella di Kaspersky su Android.
E' facile notare qualche stonatura. Tanto per incominciare, tra le finalità del trattamento non si nomina mai la profilazione, sostituita da affermazioni rassicuranti, come"Microsoft raccoglie dati per questioni di efficienza operativa e per fornire all'utente le migliori esperienze possibili con i prodotti".

Potrebbe bastare questa dichiarazione fuorviante per rendere discutibile il consenso dell'interessato, come prescritto dall'art. 23. Senza contare che qualche operazione, come l'attivazione della telecamera o del microfono, appare molto più invasiva di una "raccolta di dati", per la quale un semplice clic può servire come manifestazione di consenso.

Assomiglia, come ho già scritto, a una vera e propria intercettazione. Che però costituirebbe reato solo se operata "fraudolentemente", come recita l'art. 617-quater del codice penale. Ora la domanda è se l'elenco delle "autorizzazioni", nel quale  è compreso l'uso della telecamera o del microfono, è sufficiente per escludere la natura "fraudolenta" dell'operazione.
Su questo problema sarebbe utile un approfondimento in punto di diritto.

Per intervenire su questo argomento clicca qui
Inizio pagina     Indice di questa sezione      Home
InterLex su Facebook
Manlio Cammarata - Un doppio enigma, colonnello Rey
Un omicidio in una stanza chiusa. Una storia di spie, traditori e codici segreti. 
Leggi tutto
Le recensioni
ebook  € 2,99 - Acquistalo
Il colonnello Rey - Facebook
Manlio Cammarata - Un doppio enigma, colonnello Rey
Un giornalista che scompare.
Una "talpa" nel Palazzo. Un agente segreto senza pistola. 
Leggi tutto
Le recensioni
ebook  € 2,99 - Acquistalo

 

Pubblicazione iscritta nel registro della stampa del Tribunale di Roma con il n. 585/97 - Direttore responsabile Manlio Cammarata - P. IVA 13001341000

© Manlio Cammarata/InterLex 2017 -  Informazioni sul copyright