[ztopmcr.htm]
Pagina pubblicata tra il 1995 e il 2013
Le informazioni potrebbero non essere più valide
Documenti e testi normativi non sono aggiornati

 

 Il diritto di accesso

Non è una questione di sconti, ma di diritti
di Manlio Cammarata - 12.03.98

Cresce l'attenzione verso la grande questione del "diritto di accesso a Internet", nei suoi due aspetti fondamentali: le "pari opportunità" tra tutti gli utenti sotto il profilo dei costi di connessione e il diritto dei cittadini di conoscere anche per via telematica, e gratis, i testi delle leggi e di tutti gli atti della pubblica amministrazione.
Su quest'ultimo tema registriamo una replica dell'avvocato Giorgio Rognetta, promotore dell'iniziativa LEGGIGRATIS, all'articolo "
Serve una legge per l'accesso alla legge?" pubblicato in gennaio.

Qui invece ci occupiamo del primo tema, quello dei costi di connessione (si vedano, fra l'altro, due segnalazioni nella rubrica InBox).Ce ne siamo occupati recentemente in "Accesso alla legge e pari opportunità: due facce della stessa medaglia", a proposito del disegno di legge "Agevolazioni per l'accesso alla rete Internet", che propone una soluzione per molti versi impraticabile. Ma il problema è presente anche nel disegno di legge S2305, "Norme per la promozione e l'incentivazione del telelavoro", in discussione al Senato, che prevede una serie di azioni e finanziamenti a favore di progetti di telelavoro e che, all'articolo 5, recita testualmente:
Il Ministero delle poste e delle telecomunicazioni, di concerto con il Ministero dei trasporti e della navigazione, presenta entro il 1997 un piano per l'abbattimento o la riduzione delle barriere tariffarie all'interno dei grandi bacini di mobilità quotidiana e per il contenimento delle tariffe per le comunicazioni a lunga distanza, specialmente lungo le direttrici nord-sud e continente-isole, per quanto riguarda le utenza telefoniche dedicate ai collegamenti telematici necessari al telelavoro, anche favorendo la concorrenza tra tutti i potenziali fornitori delle linee e dei servizi di base.

Non è questa la sede per affrontare le numerose questioni inerenti la materia del telelavoro. Desidero solo osservare che è quanto meno anacronistico affrontare il problema prendendo in considerazione soltanto il lavoro dipendente e le collaborazioni coordinate e continuative, quando si diffonde sempre di più e acquista maggior peso economico il lavoro autonomo indipendente, non "contrattualizzato", anche e soprattutto nelle sue forme telematiche. E' comunque importante che il disegno di legge (che peraltro presenta molti aspetti interessanti) affronti in maniera specifica la questione dei costi di connessione e anche "la concorrenza tra tutti i potenziali fornitori dei servizi di base". Aspetto che oggi sembra ignorato, come si può vedere dalla convenzione tra Telecom Italia e il Ministero della Pubblica Istruzione, che mette fuori gioco gli Internet provider privati con "numeri verdi" gratuiti e tariffe agevolate largamente al di sotto dei costi.

Che le tariffe di connessione per gli utenti di Internet che non risiedono in aree servite da un fornitore di accessi siano troppo alte è un fatto sotto gli occhi di tutti e non richiede commenti.
La falsa soluzione proposta da Telecom Italia con la cosiddetta "Formula convenienza" presenta una serie di aspetti negativi che non possono essere ignorati. Prima di tutto, come abbiamo dimostrato, cifre alla mano, conviene solo agli abbonati più assidui (vedi "
Internet "formula convenienza..."). Ma, soprattutto, non risolve una serie di questioni che qui è bene schematizzare:
1. Non elimina il forte divario dei costi tra chi ha un provider nella propria area e chi non lo ha.
2. La clausola che prevede l'applicabilità dello sconto solo a chi non ha un provider nella propria area rende di fatto assai modesto il numero degli utenti che hanno diritto all'agevolazione, perché l'Italia è ormai piena di piccoli provider, che in moltissimi casi non sono in grado di offrire un servizio decente perché dispongono di una banda passante limitata, e questo a causa del costo elevatissimo dell'affitto dei circuiti diretti.
3. La limitazione dell'offerta alle utenze private non favorisce in alcun modo lo sviluppo delle attività economiche su Internet, o anche solo l'uso di Internet da parte di un altissimo numero di piccole e medie aziende che risiedono in zone marginali.
4. Ancora di più sono penalizzati i lavoratori autonomi (che pagano già una bolletta più salata di quella delle utenze familiari, a pena dell'indeducibilità dei costi telefonici dal reddito)

Se sommiamo le considerazione esposte nel secondo e nel terzo punto giungiamo alla sconfortante conclusione che l'attuale struttura tariffaria non solo non favorisce, ma scoraggia decisamente la diffusione del telelavoro e dell'uso professionale di Internet.

Anche la soluzione proposta nel disegno di legge sul telelavoro non è del tutto soddisfacente, soprattutto perché limita la riduzione delle tariffe ai collegamenti strettamente connessi alle attività dei lavoratori dipendenti o con contratti fissi di collaborazione, tralasciando "il resto di Internet" e soprattutto l'attività dei liberi professionisti. Inoltre non si vede come potrebbero essere applicate le agevolazioni limitate alle grandi direttrici, mentre appare interessante la previsione dei "grandi bacini di mobilità quotidiana".

In conclusione, è lodevole che le forze politiche si pongano, finalmente, il problema degli effetti positivi che possono essere determinati dall'abbattimento delle tariffe per le connessioni a Internet al di fuori delle reti urbane. Ma è necessario che le "pari opportunità di accesso" vengano considerate non come "agevolazioni" per questa o quella categoria, ma come il soddisfacimento di precisi diritti dei cittadini, il diritto all'informazione e il diritto al lavoro a condizioni uguali per tutti.
Il che significa anche il diritto di scegliersi il fornitore di accesso più efficiente o più adatto alle proprie esigenze, nell'ambito di un mercato aperto e non dominato da un solo fornitore che si fa beffe di tutti i principi della libera concorrenza.