[ztopmcr.htm]
Pagina pubblicata tra il 1995 e il 2013
Le informazioni potrebbero non essere più valide
Documenti e testi normativi non sono aggiornati

 

 Il diritto di accesso

Internet nel collegato alla Finanziaria: la prima proposta
14.07.99

Questo è il comunicato stampa che fu diffuso l'anno scorso per illustrare la prima proposta (poi modificata, vedi l'emendamento approvato) di agevolazioni per i lunghi collegamenti alla rete

COMUNICATO STAMPA: INTERNET NEL COLLEGATO ALLA FINANZIARIA

Ernesto Bettinelli, Sottosegretario per la funzione pubblica, ha espresso grande soddisfazione per l'accoglimento nel collegato alla finanziaria di una disposizione che affida espressamente all' "Autorità per le garanzie nelle comunicazioni" (istituita dalla l. n. 249/1997) il potere di determinare la tariffa massima per l'accesso ad Internet. Tale tariffa potrà essere stabilita su base annua o per congrue frazioni d'anno, in rapporto alle esigenze di mercato. L'Autorità garante determinerà la tariffa in modo "da consentire agli utenti un tempo continuato di connessione giornaliera con i soggetti autorizzati all'esercizio delle reti non inferiore alle quattro ore", nell'ambito di fasce orarie proposte dai soggetti fornitori di telecomunicazioni e approvate dalla medesima Autorità.
Una misura di questo tipo -presentata al Consiglio dei Ministri dal Vicepresidente Veltroni- risponde non solo alle pressanti richieste dei fruitori di Internet penalizzati dall'attuale regime tariffario "a tempo". Favorirà anche l'attuazione effettiva del principio della "universalizzazione" del servizio delle reti già contenuto nella legge n. 249/1997 (art.5, primo comma) e contribuirà alla diffusione di servizi telematici che rappresentano ormai una necessità nella comunicazione (e nell'educazione) non solo privata, ma pubblica. Infatti, sono ormai centinaia i siti INTERNET delle pubbliche amministrazioni, che forniscono servizi di informazione sempre più interattivi. E' pertanto indispensabile eliminare, in omaggio al principio costituzionale di eguaglianza, quelle ormai insostenibili "barriere tariffarie" che impediscono alla gran parte dei cittadini di fruire di servizi pubblici essenziali. La tariffa fissa agevolerà inoltre le scuole, che potranno utilizzare a fini didattici le nuove tecnologie non più in maniera episodica, ma programmata.
(Roma/FP/25.9.12.45)

ART. 36, COMMA 14 - COLLEGATO ALLA FINANZIARIA

Ai fini dell'attuazione del primo comma dell'art.5 della legge 31 luglio 1997, n. 249, l'Autorità determina la tariffa massima, su base annuale o per congrue frazioni di anno in rapporto alle esigenze di mercato, delle telecomunicazioni per l'accesso ad Internet. La tariffa è determinata in modo da consentire agli utenti un tempo continuato di connessione giornaliera con i soggetti autorizzati all'esercizio delle reti non inferiore alle quattro ore nell'ambito di fasce proposte dai soggetti fornitori di telecomunicazioni e approvate dall'Autorità medesima.