Cookie free: nessun "biscotto" per spiare i lettori

InterLex - RIVISTA DI DIRITTO TECNOLOLOGIA INFORMAZIONE

 

 

 

Bufala Bill, ecco l'ennesimo DDL contro l'internet

Le regole dell'internet - Manlio Cammarata - 20 marzo 2017
Problema: le fake news diffuse dai social network nell'era della post-verità. Soluzione: un disegno di legge che, tra norme pasticciate, obblighi assurdi e pene aggravate, cerca ancora una volta di limitare la libertà della Rete.

Bufala Bill, dunque. Ma il leggendario cacciatore di bisonti William F. Cody non c'entra. "Bufale" come traduzione di fake news; Bill come proposta di legge, in inglese. Pretende di risolvere il problema del giorno: le notizie farlocche che sarebbero generate dai social network, secondo la visione corrente.

L'allarme è alto, si diffonde per l'Europa e per il mondo. In Germania vogliono appioppare multe di 50.000.000 di euro ai social che non rimuovono subito le fake news; in Gran Bretagna si istituisce una commissione d'inchiesta; in Francia si pensa a una società di fact checking, in sostanza di una "agenzia della verità" (mi ricorda qualcosa, ne parlerò più avanti); in Italia...

Fermiamoci un attimo e riflettiamo. Le bufale esistono da che mondo è mondo. Potremmo andare molto indietro nel tempo, pensando a un grande cavallo di legno "offerto in dono alla dea Atena", che invece era pieno di armati. Più vicino nel tempo è lo scherzo di Orson Welles, che la sera del 30 ottobre 1938 trasmise in diretta alla radio la cronaca drammatica dell'invasione dei marziani.

Cambiano i mezzi, non la sostanza. Oggi l'internet, e le reti social in particolare, rendono più pervasiva e veloce la propagazione delle notizie. Ma consentono altrettanto pervasive e veloci correzioni e smentite.

In Italia, dicevo... Per non buttarla in politica, sorvolo su qualche bufala recente di casa nostra. Ma prima devo completare il quadro generale: in Pakistan il primo ministro ha annunciato che chiuderà i social network colpevoli di diffondere "contenuti blasfemi". Capita l'antifona?

In Italia, dunque, è stato presentato al Senato il disegno di legge N. 2688, intitolato "Disposizioni per prevenire la manipolazione dell'informazione online, garantire la trasparenza sul web e incentivare l'alfabetizzazione mediatica".

E' solo l'ennesima proposta di una serie iniziata insieme alla diffusione dell'internet, che può essere in parte ricostruita seguendo l'indice di questa sezione di InterLex.
Ma due articoli possono bastare: "Cassandra" (1998, ma la prima edizione è del 1996) e La “frattinizzazione” non è l’unica minaccia (2007), scritti dal grande Giancarlo Livraghi. Vent'anni dopo il primo, dieci dopo il secondo, siamo ancora allo stesso punto.

La presentazione del DDL 2688 è una raccolta dei luoghi comuni dell'internetfobia che conosciamo, appunto, da vent'anni. L'articolato non è da meno. Per esempio, l'articolo 3, che riprende per praticamente tutti i siti internet l'obbligo di comunicazione al tribunale, estendendo la norma fascista che riguarda ancora la stampa periodica (vedi Da Mussolini alla democrazia è cambiato qualcosa?).

E' illuminante l'articolo 8, che (con la solita perifrasi incomprensibile) attribuisce alla Commissione parlamentare per l'indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi un ulteriore compito:

«monitora gli standard editoriali delle piattaforme informatiche destinate alla pubblicazione e diffusione di informazione con mezzi telematici delle emittenti radiotelevisive pubbliche, verificando la corrispondenza tra i livelli qualitativi offline e quelli online ed incentivando una particolare attenzione ai contenuti generati dagli utenti e pubblicati su tali piattaforme telematiche e adotta le deliberazioni necessarie all'osservanza di tale indirizzo;».

Dipanato a fatica questo pasticcio di parole, ci accorgiamo di essere a un passo dal Ministero della Verità (già prefigurato dall'iniziativa francese di cui ho parlato all'inizio). Se qualcuno non afferra il riferimento, legga subito "1984" di George Orwell.
Ma prima abbia l'accortezza di staccare la spina del teleschermo.

Per intervenire su questo argomento clicca qui
Inizio pagina     Indice di questa sezione      Home
InterLex su Facebook
Manlio Cammarata - Un doppio enigma, colonnello Rey
Un omicidio in una stanza chiusa. Una storia di spie, traditori e codici segreti. 
Leggi tutto
Le recensioni
ebook  € 2,99 - Acquistalo
Il colonnello Rey - Facebook
Manlio Cammarata - Un doppio enigma, colonnello Rey
Un giornalista che scompare.
Una "talpa" nel Palazzo. Un agente segreto senza pistola. 
Leggi tutto
Le recensioni
ebook  € 2,99 - Acquistalo

 

Pubblicazione iscritta nel registro della stampa del Tribunale di Roma con il n. 585/97 - Direttore responsabile Manlio Cammarata - P. IVA 13001341000

© Manlio Cammarata/InterLex 2017 -  Informazioni sul copyright